Storia del gruppo Mitsubishi

  • Storia del gruppo Mitsubishi

Il fondatore

Iwasaki Yataro

Iwasaki Yataro (1835-1885)

La prima Mitsubishi, una società di spedizioni, nacque nel 1870 su iniziativa di un giovane ambizioso di nome Yataro Iwasaki. Il Giappone era appena uscito da secoli di isolamento feudale e aveva iniziato la propria corsa per raggiungere l'Occidente. L'azienda di Yataro crebbe rapidamente, diversificandosi in più settori della produzione e del commercio. La seconda guerra mondiale segnò la fine di Mitsubishi come organizzazione integrata, ma aziende indipendenti che discendono dalla prima Mitsubishi sono tuttora attive in quasi ogni settore dell'industria.

Yataro Iwasaki era originario della città di Kochi sull'isola di Shikoku, quartier generale del potente clan Tosa. Yataro aveva lavorato per il clan, distinguendosi nella gestione delle operazioni commerciali a Osaka. Nel 1870 fondò la propria società di spedizioni, la Tsukumo Shokai, con tre imbarcazioni a vapore prese a nolo dal clan. Fu quello l'inizio di Mitsubishi.

Foto per gentile concessione degli archivi Mitsubishi.

Origini del famoso emblema

Una prima rappresentazione dell'emblema con i tre diamanti su un recipiente in ferro per l'acqua

Una prima rappresentazione dell'emblema con i tre diamanti su un recipiente in ferro per l'acqua

Il nome della nuova società cambiò in Mitsukawa Shokai nel 1872 e in Mitsubishi Shokai nel 1874. Yataro scelse un emblema aziendale che combinava le tre foglie di quercia dello stemma dei Tosa e i tre diamanti sovrapposti dello stemma della sua famiglia. Questo emblema è all'origine del nome, Mitsubishi, che vuol dire "tre diamanti".

Nel 1874 Yataro diede una pubblica dimostrazione di patriottismo, fornendo le navi per il trasporto delle truppe giapponesi a Taiwan. Il gesto gli guadagnò la gratitudine del governo, che lo ricompensò con 30 imbarcazioni. Yataro cambiò il nome della società in Mitsubishi Mail Steamship nel 1875, quando ereditò il personale e le strutture di un servizio postale smantellato dal governo.

Crescita rapida e poi avversità

Una delle navi a vapore di Yataro, il battello a ruote Tokyo-maru

Una delle navi a vapore di Yataro, il battello a ruote Tokyo-maru

Mitsubishi Mail Steamship inaugurò il servizio verso la Cina e la Russia godendo di un monopolio di fatto sulle rotte internazionali. Ma dopo il 1880 i venti politici girarono in direzione contraria a Mitsubishi e il governo sponsorizzò la nascita di un concorrente. La competizione che ne seguì portò quasi al fallimento entrambe le società.

L'intervento del governo produsse una tregua temporanea, ma la concorrenza riprese a farsi agguerrita nel 1885 quando Yataro morì e gli successe il fratello Yanosuke. Pose fine alle ostilità una fusione decisa dal governo nel 1885, che diede vita a Nippon Ysen, l'attuale NYK Line.

Oltre il settore navale

Estrazione di carbone nella miniera Takashima di Nagasaki

Estrazione di carbone nella miniera Takashima di Nagasaki

Mentre sul mare la concorrenza aumentava, Mitsubishi si diversificava a terra. La società acquistò la miniera di rame Yoshioka ad Akita e la miniera di carbone Takashima a Nagasaki. Nel 1884 prese in affitto dal governo i cantieri navali di Nagasaki, dove successivamente progettò la prima nave a vapore in acciaio prodotta in Giappone.

Mitsubishi continuò a crescere e a diversificare le sue attività sotto la leadership autocratica di Yanosuke Iwasaki, che acquistò altre miniere per garantire le necessarie risorse a Mitsubishi e alle industrie in crescita del Giappone ed eliminò "Steamship" dal nome della società. Inoltre, pagò l'equivalente di circa 1 milione di dollari per 32 ettari di terreno paludoso vicino al Palazzo Imperiale nel 1890. Ridicolizzato a quei tempi, l'investimento di Yanosuke vale oggi svariati miliardi di dollari.

La gestione moderna

La sede di Meiji Life e Tokio Marine nel 1895

La sede di Meiji Life e Tokio Marine nel 1895

Il figlio di Yataro, Hisaya, assunse la presidenza nel 1893. Laureato alla University of Pennsylvania, il nuovo presidente ristrutturò Mitsubishi per favorirne la crescente diversificazione. Creò divisioni per i settori bancario, immobiliare, commerciale e amministrativo, oltre che per i tradizionali settori minerario e navale dell'azienda.

Alcuni degli investimenti privati di Hisaya appartengono tuttora a società del gruppo Mitsubishi. Egli acquistò la cartiera Kobe, oggi Mitsubishi Paper Mills, e sostenne la creazione della Kirin Brewery. Suo cugino Toshiya fondò Asahi Glass, il primo importante produttore giapponese di cristallo.

La modernizzazione di Mitsubishi proseguì con la presidenza di Koyata, figlio di Yanosuke, che successe a Hisaya nel 1916. Koyata, laureato all'Università di Cambridge, trasformò le divisioni in società semiautonome e portò Mitsubishi alla leadership in settori come quelli dei macchinari, delle apparecchiature elettriche e dell'industria chimica. Le società che successivamente confluirono in Mitsubishi Heavy Industries progettavano automobili, aeromobili, carri armati e autobus. Mitsubishi Electric divenne leader nel mercato dei macchinari elettrici e degli elettrodomestici.

Oltre la famiglia

Un veicolo motorizzato a tre ruote di Mitsubishi Heavy Industries

Un veicolo motorizzato a tre ruote di Mitsubishi Heavy Industries

La famiglia Iwasaki rinunciò a parte del controllo su Mitsubishi con un'offerta pubblica d'acquisto di azioni della holding del gruppo. Alla fine della seconda guerra mondiale, gli investitori esterni detenevano più della metà del capitale azionario.

Koyata Iwasaki incoraggiò i propri dirigenti e dipendenti a superare l'ondata di xenofobia che aveva attraversato il Giappone negli anni della guerra. "Abbiamo rapporti di affari con tanti americani e inglesi", ricordava ai dirigenti di Mitsubishi subito dopo lo scoppio delle ostilità. "Sono nostri amici che hanno avviato progetti insieme a noi e che condividono i nostri interessi. Quando tornerà la pace, dovremo mantenere questo rapporto di amicizia e fiducia."

Strade separate

Il quartiere Marunouchi nel centro di Tokyo, sede di gran parte delle società del gruppo Mitsubishi

Il quartiere Marunouchi nel centro di Tokyo, sede di gran parte delle società del gruppo Mitsubishi

Dopo la guerra, le forze di occupazione alleate imposero lo smantellamento dei grandi gruppi industriali del Giappone. La sede generale di Mitsubishi chiuse il 30 settembre 1946 e molte delle società del gruppo si divisero in aziende più piccole. Il ramo commerciale fu frammentato in 139 aziende e Mitsubishi Heavy Industries fu divisa in tre società regionali. La maggior parte delle società Mitsubishi abbandonò il nome e l'emblema dietro pressione delle forze di occupazione.

Allo scoppio della guerra di Corea, la politica di occupazione si focalizzò sulla ristrutturazione industriale ed economica. Alcune società del gruppo Mitsubishi si ricostituirono e molte ripresero a utilizzare il nome e l'emblema. Mantennero tuttavia la propria autonomia e riuscirono a realizzare molto di più individualmente e in modo indipendente di quanto avrebbero mai potuto realizzare come un'unica organizzazione. Al contempo, tuttavia, seppero trarre vantaggio dal senso condiviso di comunità che nasce da una storia e da una cultura aziendale comuni.

Testo e foto per gentile concessione del comitato per gli affari pubblici Mitsubishi.